Francesca Michielin e Fedez: “Il terzo duetto è importante, ma mai quanto le nostre chiacchierate oltre la musica”

foto di francesca michielin e fedez per sanremo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Francesca Michielin e Fedez sono tra i 26 protagonisti della 71esima edizione del Festival di Sanremo, in programma al Teatro Ariston dal 2 al 6 marzo 2021. Il loro brano “Chiamami per nome” è stato scritto da loro insieme a Mahmood, Davide Simonetta e Alessandro Raina.

Dopo dieci anni, come ricorda Francesca Michielin, si sono ritrovati virtualmente cantando dai balconi, durante il primo lockdown. Da questo “incontro” è nata l’idea di lavorare ancora insieme. Il Festival è per Francesca Michielin un ritorno (ha partecipato a Sanremo nel 2016 con Nessun grado di separazione, poi portata sul palco dell’Eurovision song contest di quell’anno) e per Fedez è l’inizio di una nuova avventura.
Federico non ha intenzione di promuovere nessun disco dopo Sanremo che lo riguarda, ma desidera occuparsi e sostenere il lavoro di Francesca.

“Chiamami per nome” è un brano pop con sfumature urban. Ci sono delle diversità rispetto a Cigno Nero per provare una nuova strada. L’evoluzione stilistica c’è per via delle sonorità e per il testo molto autobiografico, poiché rappresenta molto come Francesca e Federico si sono sentiti nell’ultimo periodo e come è cambiata la nostra voglia di vivere la musica. È un brano d’amore con una struttura differente, una struttura pop inusuale. Molte frasi, infatti, sono collegate al momento storico.

“La grande storia banale, prima prosciughiamo il mare, poi versiamo lacrime per poterlo ricolmare”

chiamami per nome

Due collezionisti che duettano: lei ha una marea di fumetti giapponesi, lui ha una serie infinita di scarpe da ginnastica introvabili, Francesca e Fedez sono pronti per la loro terza scintilla insieme, unghie di Fedez comprese, che sono dedicate ai fiori di Sanremo.

© CN MEDIA S.r.l. - C.F. e P.IVA 04998911210 - R.E.A. n. 727803
Privacy Policy | Cookie Policy